Condividi su:   Facebook Twitter Google

Il sacramento del Battesimo:

  • viene celebrato secondo il calendario che trovi in fondo alla pagina;
  • il documento da presentare è l’attestato d’idoneità per il padrino o la madrina rilasciato dal proprio Parroco di residenza;
  • i genitori devono prepararsi con due incontri previ di formazione tenuti nelle settimane precedenti la  celebrazione del rito;
  • il padrino o la madrina deve avere più di 16 anni, essere cresimato, non avere impedimenti giudiziari ecclesiastici, partecipare alla vita ecclesiale e non essere il genitore del battezzato.

Il sacramento dell’Eucaristia (o Prima Comunione):

  • viene celebrato secondo il calendario che trovi in fondo alla pagina
  • esige un ciclo triennale di preparazione articolato in tappe catechistiche;
  • sono ammessi i bambini iscritti alla seconda elementare e che hanno compiuto necessariamente il settimo anno di età;
  • le molte assenze ingiustificate alla catechesi settimanale e alla Messa domenicale potrebbero far ritenere il candidato non maturo per ricevere il sacramento.

Il sacramento della Cresima:

  • viene conferito ai fanciulli, gli adolescenti, ai giovani e agli adulti;
  • per ricevere il sacramento è necessaria una catechesi in piccoli gruppi:
  • solo in situazioni straordinarie è possibile un accompagnamento personalizzato.

Il sacramento del Matrimonio:

  • presentare la documentazione religiosa (certificato di battesimo e di cresima)
  • presentare la documentazione civile;
  • partecipare al corso di formazione in preparazione al sacramento;
  • concordare per tempo la celebrazione del rito.

Il sacramento dell’Olio degli Infermi:

  • viene amministrato a tutti coloro che vertono in gravi condizioni di salute;
  • può essere ricevuto più volte nella vita di un credente;
  • l’ammalato dovrebbe essere cosciente durante la celebrazione del sacramento.

Il rito delle Esequie:

  • avvisato il parroco, si concorda un orario per la preghiera a casa del defunto;
  • il rito viene celebrato con una Liturgia della Parola;
  • in occasione del Trigesimo può essere concordata le celebrazione della S. Messa;
  • solo su richiesta la benedizione della salma può essere fatta a casa dell’estinto.

La celebrazione del Venticinquesimo o del Cinquantesimo di Matrimonio:

  • viene inserito in una Messa comunitaria già prevista;
  • non è opportuno utilizzare appositi inginocchiatoi per i festeggiati;
  • il rito specifico consiste nella formula di benedizione con lo scambio degli anelli.
Condividi su:   Facebook Twitter Google